capitolo 1

Le parole
sono importanti

immagini Claudia Corrent

testi Clara Attene

design Sheldon.studio

"L’italiano mi piace, ma impararlo è difficile", dice B., 20 anni. Nelle sue parole risuona anche il pensiero delle altre donne, con cui condivide l’appartamento, la scuola di italiano, la chiesa, i corsi di formazione e le altre attività del Progetto Alfa."

Con loro parla il pidgin nigeriano, una lingua creola basata sull’inglese: per le orecchie di un italiano è un idioma quasi incomprensibile, se non per qualche parola qua e là. Parlano velocissime, e ogni tanto M., 28 anni, intercala nel discorso qualche italianissimo "eddai!".

eddai!

Il pidgin è la loro lingua madre, una lingua franca che permette loro di capirsi anche se arrivano da diverse zone della Nigeria. L’italiano, invece, è il primo passo per l’autonomia. Impararlo spesso è difficile anche perché molte di loro prima non sono nemmeno mai andate a scuola.

"Per lavorare è importante conoscere le parole - racconta P., 23 anni -. Per esempio, quando ho iniziato a lavorare in un hotel a Courmayeur, dove facevo le pulizie, non sapevo cosa fossero ‘straccio’ e ‘secchio’. Oppure il gergo della cucina: nei primi tempi al ristorante dove lavoro adesso non riuscivo a capire i nomi nella lista degli ingredienti. In Italia ci sono un sacco di tipi di formaggi: lo squacquerone, la stracciatella...ma io all'inizio non sapevo nulla e non sapevo nemmeno cosa fosse la salsiccia".

in italia si deve parlare

Ma la lingua è anche oggetto di scherzo tra loro: "In Italia si deve parlare!", ammonisce M., ripetendo la raccomandazione che le ha fatto quella mattina una delle operatrici per incoraggiarla a chiedere informazioni, a fare domande, a esprimersi ogni volta che ne ha necessità. Lo ripete ridendo e con le dita congiunte di una mano mima quel gesto tipicamente nostrano che significa "che vuoi?".

Sentirsi a casa propria non è facile, soprattutto in un paese nel quale si conosce la lingua.
Per fortuna c’è un altro linguaggio che aiuta a sentirsi a casa, è il linguaggio del cibo.

capitolo precedente

Home

capitolo successivo

2. La casa dov'è?